Guida per una corretta installazione di GGBU 3.5

Preliminari

Prima di iniziare, e per chi avesse intenzione di installare GGBU accanto a Windows, consiglio vivamente di eseguire un backup dei dati presenti sul PC: al 90% la procedura si conclude senza problemi, ma meglio prevenire in alcuni casi.

In caso di Dual-Boot Windows-GGBU, eseguite una deframmentazione del disco, per evitare perdite di dati durante il partizionamento del disco.

In caso di più Hard Disk collegati al vostro pc, bisogna lasciare collegato solo l'Hard Disk dove dovrà essere installato GGBU.

(dopo l'installazione collegare gli eventuali HD e se presenti altri sistemi operativi lanciare dal terminale di GGBU un: update-grub)

Detto questo, avrete bisogno dell’ISO di GGBU, e dovrete masterizzarla su supporto DVD (con software come Nero, ISO Burner,K3b, Brasero ecc…), oppure creando una chiavetta di avvio (per PC recenti o Netbook).

Dovrete infine settare il BIOS del vostro PC/Notebook/Netbook in modo tale che il primo avvio sia impostato su CD o USB, a seconda del mezzo che utilizzerete per installare Ubuntu. Solitamente per accedere al BIOS dovrete premere all’avvio del PC, F2 o ESC, ma ovviamente cambia in base al modello del vostro computer.

Installazione

1. Una volta inserito il CD/Supporto USB, vi comparirà una schermata in cui vi verrà chiesto di selezionare se avviare GGBU in modalità live o installarlo direttamente (consiglio di avviare il sistema) scegliendo la prima opzione dovrete attendere il caricamento di GGBU nella modalità Live. Essendo già in Italiano il sistema è già settato nella nostra lingua.
Personalmente consiglio di provarlo in Live, in modo tale di testare direttamente il sistema, e verificare inizialmente che funzioni quasi tutto (se avrete fortuna infatti, vi riconoscerà il modem ADSL, qualora fosse collegato, e le varie periferiche hardware).

2. Se avete scelto la prima opzione, e quindi siete nella modalità Live di GGBU 3.5,potete lanciare l’installazione cliccando sull’icona presente sul desktop.

3. La prima finestra vi farà scegliere la lingua, che oltre ad essere la lingua che vi accompagnerà nella procedura d’installazione, sarà la lingua di sistema settata automaticamente e nel caso di GGBU sarà già l'italiano.


4, La seconda finestra mostrerà un check del PC: mentre la prima opzione è vincolante per tutti i tipi di computer, la seconda è valida solo per Notebook/Netbook. La terza invece non è per nulla vincolante: se non sarete connessi ad internet, non potrete scaricare aggiornamenti durante l’installazione del sistema. Tuttavia è un’operazione che potrete riprendere tranquillamente dopo l’installazione di GGBU.
Potrete scegliere quindi, se connessi ad internet, di scaricare gli aggiornamenti, e software di terzi, come il codec audio MP3
Per attivare sia gli aggiornamenti sia il software di terze parti dovrete semplicemente cliccare una volta sulle scritte e successivamente su AVANTI.


5. La prossima schermata è quella fondamentale, in quanto permetterà il partizionamento dell’hard disk.
Vi mostrerà 3 possibilità (nel caso sia presente un altro SO sul PC):
a) Installa GGBU a fianco di XXXXX: permetterà di impostare automaticamente un dual boot (installando Grub 2) con il sistema operativo già presente sul PC (solitamente Windows, con Mac OS X la questione è leggermente diversa). Ciò che dovrete fare è scegliere la dimensione della partizione da dedicare ad Ubuntu. Per il resto ci penserà l’Installer. 
b) Sostituisci XXXX con GGBU: questa opzione formatterà completamente l’hard disk, e verrà impostato Ubuntu 11.04 come SO unico e predefinito. 
c) Altro (per utenti più o meno esperti): permette di creare manualmente le partizioni. Solitamente vanno create due partizioni: 
EXT4: partizione di tipo primaria, con file system EXT3/4, e simboleggiata dal simbolo / (root), è la partizione ddicata al sistema, dove quindi saranno presenti tutti i file di Ubuntu (sistema e utente).
Swap: un’area di appoggio per la memoria RAM, localizzata sul disco rigido, può essere di tipo primaria o logica. Solitamente, per sistemi con memoria fino a 512 o 768 MB, è consigliata la creazione di una partizione di swap di dimensione variabile da 1 o 1,5 fino a 2 volte la RAM (quindi da 512 MB a 1 GB circa). Per sistemi con quantitativi superiori a 512-768 MB non è più necessario seguire la regola precedente, ma sarà sufficiente allocare un’area di swap con dimensioni pari alla RAM disponibile, e in casi di utilizzo a basse prestazioni (in ufficio per esempio), anche una quantità inferiore.
Consiglio tuttavia la prima opzione. Per il partizionamento manuale infatti dovrete prima creare dello spazio non allocato (partizione vuota) con software come GParted, per poi quindi assegnarla alle due partizioni EXT e SWAP.


Per selezionare le varie modalità dovrete semplicemente cliccare sulla voce corrispondente prima di cliccare su AVANTI
7) Solo se presente un altro sistema operativo nella finestra appena mostrata vi comparirà prima di ogni cosa, la digitura "Installa a finco di XXXX".
Se scegliete quindi la prima opzione (Installa Ubuntu a finaco di...), dovrete impostare la dimensione della partizione di GGBU, spostando semplicemente il curose verso e destra o sinistra, a seconda delle vostre esigenze.
L’operazione può impiegare alcuni istanti (come mostrerà l’avviso che vi comparirà), e in automatico verrà ridimensionata la partizione di Windows, e create le partizioni di GGBU
8) Se scegliete la voce "Cancella il disco e installa Ubuntu" non dovrete far alto che andare avnti e dare conferma come mostrato nella figura seguente.


Come mostrato in avviso questa opzione cancellerà ed eliminerà tutti i dati presenti nell'hard disk.
9) Se scegliete la digitura "Altro" allora dovete creare  e selezionare a mano la partizione che conterrà GGBU


Per far comparire il menù a scomparsa per selezionare i vari punti di mount basta semplicemente cliccare a destra del rettangolo grigio corrispondente.


Una volta create le varie partizioni dovrete semplicemente andare AVANTI e successivamente nella finestra seguente cliccare su INSTALLA.


Conviene sempre creare una partizione ext4 per il punto di mount /   e una partizione ext4 per la vostra home /home  in modo tale da avere i vostri dati e i il sistema su due partizioni separate.
10) Il sistema nel frattempo ha già avviato la copia dei file su disco, e a voi rimangono le ultime operazioni, come il settaggio del fuso orario…


…il settagio del layout della tastiera utilizzata…
… e l’inserimento delle informazioni personali, come nome, password, utili per effettuare l’accesso ad GGBU.


Conviene mantere il nome utente "ggbu" e password "linux"  e successivamente dopo aver installato il sistema potrete aggiugere un nuovo utente e modficare la vostra password come spiegato infondo alla pagina principale www.ggbu.it.
11) Dopo aver cliccato su Avanti la procedura è ormai concluda e dovrete attendere il completamento dell’installazione, che più o meno impigherà 20 minuti circa.



 A fine installazione potrete scegliere se continuare a utilizzare il sistema in modalità live oppure riavviare e gustarvi il vostro GGBU appena installato.
IMPORTANTE:  
al primo riavvio dovete eseguire l'aggiornamento delle configurazioni di grub. Per farlo o digitate nel terminale (l'ho trovate sul pannello superiore) il seguente comando:
[email protected]:~$ sudo update-grub
oppure eseguite il mio script per l'aggiornamento e pulizia del sistema (presente direttamente sul pannello superiore) ove già presente il comando per l'aggiornamento delle configurazioni di grub.

Buno utilizzo :)

 

Questa pagina è stata visionata
volte.